2018-02-12Comunicato stampa

AGCO comunica i risultati del quarto trimestre 2017

DULUTH, GA – Febbraio 6 – AGCO, Your Agriculture Company (NYSE:AGCO), costruttore e distributore di attrezzature per l'agricoltura a livello mondiale, ha dichiarato per il quarto trimestre del 2017 un volume di vendite nette di circa 2,5 miliardi di dollari USA, un aumento pari a circa il 20,7% rispetto al volume di vendite nette del quarto trimestre del 2016, che ammontava a 2,1 miliardi di dollari USA.

2018-02-12Comunicato stampa

AGCO comunica i risultati del quarto trimestre 2017

DULUTH, GA – Febbraio 6 – AGCO, Your Agriculture Company (NYSE:AGCO), costruttore e distributore di attrezzature per l'agricoltura a livello mondiale, ha dichiarato per il quarto trimestre del 2017 un volume di vendite nette di circa 2,5 miliardi di dollari USA, un aumento pari a circa il 20,7% rispetto al volume di vendite nette del quarto trimestre del 2016, che ammontava a 2,1 miliardi di dollari USA.

L'utile netto dichiarato nel quarto trimestre del 2017 è stato di 0,55 $ per azione e l'utile netto rettificato, che esclude gli oneri di ristrutturazione e il prelievo fiscale associato alla riforma fiscale negli Stati Uniti, è stato di 1,10 $ per azione. Questi risultati vanno confrontati all'utile netto di 0,77 $ per azione e all'utile netto rettificato, che esclude gli oneri di ristrutturazione, di 0,84 $ dichiarati per il quarto trimestre del 2016. Escludendo gli effetti favorevoli della conversione valutaria pari a circa il 5,9%, le vendite nette nel quarto trimestre del 2017 sono aumentate approssimativamente del 14,8% rispetto allo stesso quadrimestre del 2016.

Le vendite nette nella totalità dell'anno 2017 sono state di circa 8,3 miliardi di dollari USA, un aumento di circa il 12,1% rispetto al 2016. Escludendo gli effetti favorevoli della conversione valutaria pari a circa l'1,6%, le vendite nette per l'anno 2017 sono aumentate approssimativamente del 10,5% rispetto al 2016. Per l'anno 2017, l'utile netto dichiarato è stato di 2,32 $ per azione e l'utile netto rettificato, che esclude gli oneri di ristrutturazione, una spesa non di cassa relativa alla rinuncia alla compensazione sotto forma di azioni e un prelievo fiscale associato alla riforma fiscale negli Stati Uniti, è stato di 3,02 $ per azione. Questi risultati vanno confrontati all'utile netto di 1,96 $ per azione e all'utile netto rettificato, che esclude gli oneri di ristrutturazione e l'adeguamento fiscale sui risconti passivi non di cassa, di 2,47 $ per azione per l'anno 2016.

Notizie in evidenza

• Risultati di vendita per area geografica del quarto trimestre(1): Europa/Medio Oriente ("EME") + 25,9%, Nord America

+18,9%, Sud America +2,5%, Asia/Pacifico/Africa (“APA”) +23,0%

• Risultati di vendita per area geografica del quarto trimestre con tassi di cambio costanti(1)(2)(3): EME +16,6%, North America +17,4%, South America +3,2%, APA +16,8%

• Generati 578 milioni di dollari USA in flusso di cassa operativi e 374 milioni di dollari USA in flusso di cassa libero(3) nel 2017

• Dividendi trimestrali saliti a 0,15 $ per azione a partire dal primo trimestre 2018

• Utili previsti per l'anno 2018 sostanzialmente invariati a 3,50 $ per azione

(1) Paragonati al quarto trimestre 2016

(2) Esclusi gli effetti della conversione della valuta

(3) Vedere la riconciliazione delle misure non-GAAP in appendice

"La stabilizzazione della domanda del mercato e una solida esecuzione operativa hanno permesso ad AGCO di rispettare gli obiettivi finanziari che si era posta per il 2017 e realizzare risultati migliori rispetto al 2016" ha dichiarato Martin Richenhagen, Presidente, Direttore Generale e CEO di AGCO. "Negli ultimi anni, ci siamo impegnati in strategie di riduzione dei costi volte all'acquisizione di azioni, produttività di fabbrica e sviluppo di nuovi prodotti, collocandoci in posizione favorevole per ricercare nuove opportunità di crescita. Nella prospettiva futura del 2018 prevediamo ulteriori crescite dell'utile a seguito del trend positivo dell'industria che esce dalla fase stagnante del settore delle attrezzature per l'agricoltura nei principali mercati. Oltre alla gestione dei costi, continueremo a investire nel lungo termine per incrementare l'efficienza dei nostri stabilimenti, migliorare i livelli dei nostri servizi e consolidare la nostra offerta di prodotti."

"Il raccolto globale del 2017 è, per il quarto anno consecutivo, una produzione prossima al record," continua Richenhagen. "Con raccolti così abbondanti, la produzione ha superato la domanda, mantenendo i prezzi del prodotto e il reddito agricolo a livelli relativamente bassi. La domanda di attrezzature per l'agricoltura a livello globale ha dato segnali di ripresa dopo tre anni di netto calo. Nel Nord America, il parco di attrezzature per l'agricoltura inizia ad invecchiare e le vendite al dettaglio del settore sono state variegate nel corso del 2017. La domanda di trattori e mietitrebbie è stata elevata rispetto all'anno scorso, mentre le vendite di altre attrezzature per le colture in filari sono rimaste deboli. Nel complesso, prevediamo che le vendite di trattori mantengano un andamento relativamente piatto nel 2018 rispetto al 2017, con qualche modesto miglioramento per quanto riguarda le mietitrebbie e le attrezzature per la fienagione. Le vendite al dettaglio nell'Europa occidentale sono cresciute nel 2017 ma rimangono a livelli storicamente bassi. La crescita è stata maggiore in Germania, Italia e Gran Bretagna. La ripresa del settore lattiero-caseario ha sostenuto le vendite al dettaglio e contribuito a migliorare la fiducia generale all'interno di quest'area. Anche se permane una fase delicata a causa del prezzo ridotto delle materie prime, nel 2018 i redditi delle imprese agricole dovrebbero andare incontro ad una modesta progressione prevalentemente dovuta alle migliori condizioni economiche del settore lattiero-caseario e alla produzione di frumento più elevata del 2017. Sulla base di questi presupposti, ci aspettiamo che le aziende agricole mantengano un atteggiamento positivo e che la domanda nel 2018 sia relativamente piatta rispetto ai livelli del 2017. In Sud America, le vendite al dettaglio del settore sono cresciute nel corso del 2017 in seguito alla netta ripresa della domanda in Brasile dopo la fase di depressione della prima metà dell'anno precedente. Tuttavia, le vendite del settore in Brasile sono rallentate nella seconda metà del 2017 a causa della debolezza macroeconomica che ha continuato ha intaccare la fiducia delle aziende agricole. In Argentina, la domanda è rimasta consistente grazie all'espansione delle politiche governative di sostegno che hanno continuato a stimolare la crescita. Le nostre previsioni per l'anno 2018 per il Sud America dipingono un quadro di stagnazione o di modesta ripresa delle vendite rispetto al 2017. La nostra prospettiva globale a lungo termine rimane positiva. L'aumento della domanda delle materie prime, determinata dalla crescita della popolazione a livello mondiale, che implica una crescita del consumo di proteine e di utilizzo dei biocombustibili, dovrebbero sostenere redditi agricoli elevati e buone condizioni generali del nostro settore."

Nord America

Le vendite nette nel Nord America sono cresciute di circa il 3,6% nella totalità dell'anno 2017 rispetto al 2016, escludendo l'impatto positivo del cambio valutario. Le acquisizioni hanno influito positivamente sulle vendite per circa il 2% nel 2017. Una domanda composita del mercato, e gli sforzi dei concessionari volti alla riduzione dell'inventario, hanno influito sui volumi di vendita. La crescita delle vendite di trattori, sospinta dall'introduzione di nuovi prodotti, è stata per la maggior parte compensata dal declino delle vendite di attrezzi per la fienagione, irroratrici e attrezzature per lo stoccaggio dei cereali. I redditi operativi sono cresciuti di circa 25,6 milioni di dollari USA per l'intero anno 2017 rispetto al 2016 grazie all'aumento delle vendite ed al miglioramento del margine.

Sud America

Le vendite nette nell'area del Sud America sono cresciute di circa l'11,4%, esclusi gli effetti favorevoli del cambio valutario, per la totalità dell'anno 2017 rispetto al 2016. Questo miglioramento è stato prevalentemente stimolato dal significativo incremento delle vendite in Argentina e dalla modesta crescita del Brasile. I redditi operativi sono scesi di circa 5,4 milioni di dollari USA per la totalità dell'anno 2017 rispetto al 2016, a causa dell'impatto negativo dell'inflazione dei costi delle materie prime nonché dei costi più elevati associati alla localizzazione di prodotti conformi alle norme sulle emissioni.

Europa/Medio Oriente

Le vendite nette di AGCO nell'area EME sono cresciute dell'11,4% circa, nella totalità dell'anno 2017, rispetto al 2016, escludendo l'impatto positivo del cambio valutario. Le acquisizioni hanno influito positivamente sulle vendite per circa il 3% nel corso del 2017 rispetto al 2016. La maggior parte della crescita delle vendite si è realizzata sui mercati principali di Gran Bretagna, Germania e Italia. I redditi operativi sono aumentati di circa 90,6 milioni di dollari USA per la totalità del 2017 rispetto al 2016, grazie al maggior numero di vendite ed al miglioramento dei margini indotti dall'introduzione di nuovi prodotti e dall'aumento della produzione.

Asia/Pacifico/Africa

Le vendite nette di AGCO nell'area Asia/Pacifico/Africa, escluso l'impatto positivo del cambio valutario, sono cresciute di circa il 23,9% nell'intero periodo dell'anno 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016. L'aumento delle vendite è stato trascinato principalmente dalla Cina e dall'Australia. Le acquisizioni hanno influito positivamente sulle vendite per circa il 4% nel corso del 2017 rispetto all'anno precedente. I redditi operativi sono cresciuti di circa 29,1 milioni di dollari USA nel 2017 rispetto all'anno 2016, in seguito all'aumento del numero delle vendite e dei livelli produttivi. Riforma fiscale negli Stati Uniti: Le disposizioni fiscali per le imposte sul reddito per il quarto trimestre del 2017 comprendono un’imposizione una tantum di circa 42,0 milioni di dollari USA risultanti dall'entrata in vigore della riforma fiscale negli Stati Uniti il 22 dicembre 2017. L'imposta comprende una stima di circa 14,3 milioni di $ relativi all'imposta di transizione associata al rimpatrio obbligatorio degli utili realizzati all'estero.

Prospettiva generale

Nel 2018, si prevede una domanda relativamente stabile del settore in tutte le aree geografiche. Le vendite nette di AGCO nel 2018 dovrebbero raggiungere circa 9,1 miliardi di dollari USA, a fronte del miglioramento dei volumi di vendita, del miglioramento dei prezzi nonché dall'acquisizione e dall'impatto del cambio valutario. I margini operativi e lordi dovrebbero migliorare rispetto ai livelli del 2017, riflettendo gli effetti positivi delle politiche dei prezzi e di riduzione dei costi parzialmente bilanciati dalle aumentate spese di ingegnerizzazione. In base a questi presupposti, gli utili previsti per azione nel 2018 dovrebbero essere di circa 3,50 $.

* * * * *

Dichiarazione Safe Harbor

Le dichiarazioni che non sono fatti storici, comprese le aspettative per quanto riguarda gli utili per azione, le vendite, la domanda del settore, le condizioni di mercato, la popolazione mondiale, l'utilizzo di biocombustibile e il consumo di proteine, i cambi valutari, i livelli del reddito agricolo, i livelli dei margini, i livelli di inventario del settore, gli investimenti per lo sviluppo di prodotti e tecnologie, le iniziative di riduzione dei costi, i volumi produttivi e le condizioni economiche generali, sono previsionali e soggette a rischi che potrebbero determinare risultati effettivi materialmente diversi da quelli suggeriti da tali dichiarazioni. Di seguito sono riportati alcuni dei fattori che potrebbero determinare risultati effettivi materialmente diversi da quelli discussi o sottesi nell'ambito delle dichiarazioni di previsione.

• I nostri risultati finanziari dipendono esclusivamente dal settore agricolo, pertanto fattori che possono influire negativamente sul settore agricolo in genere, comprese le fasi recessive dell'economia generale, gli aumenti dei costi dei fattori di produzione per le aziende agricole, la riduzione dei costi delle materie prime, la riduzione del reddito agricolo e le variazioni delle condizioni di disponibilità del credito per i clienti al dettaglio, hanno un impatto negativo sulla nostra azienda.

• Gran parte delle vendite e dei processi di fabbricazione ha luogo all'esterno degli Stati Uniti e molte delle nostre vendite sono relative a prodotti fabbricati in un paese e venduti in un altro; pertanto, siamo esposti ai rischi associati a legislazioni, imposte e tariffe, restrizioni commerciali, condizioni economiche, disponibilità di personale, rapporti con il personale, condizioni politiche e politiche governative in atto in paesi stranieri. Questi rischio possono rallentare o limitare la realizzazione di valore derivante dalle nostre operazioni internazionali.

• La maggior parte delle vendite al dettaglio dei prodotti che costruiamo sono finanziate dalle nostre joint venture con Rabobank oppure da un istituto bancario o altro investitore privato. Le nostre joint venture con Rabobank, controllate da Rabobank e dipendenti da Rabobank anche per quanto riguarda il finanziamento, finanziano circa il 40% delle vendite al dettaglio dei nostri trattori e mietitrebbie sui mercati nei quali operano le joint venture.

Eventuali difficoltà incontrate da Rabobank nell'erogazione del finanziamento, o eventuali decisioni di Rabobank in quanto società controllante nel senso di rifiutare il finanziamento dell'attività o di determinati aspetti dell'attività (per esempio un particolare paese o area geografica), richiederebbero alle joint venture di individuare altre fonti di finanziamento (che potrebbero essere difficilmente reperibili), oppure costringerebbero la nostra società a reperire altre fonti di finanziamento al dettaglio per i nostri clienti, o i nostri clienti ad utilizzare altri finanziatori. A causa del recente rallentamento economico, il finanziamento degli acquisti di beni strumentali è diventato in genere più difficile in certe aree geografiche ed in alcuni casi può essere costoso. Laddove il finanziamento non è disponibile, o è disponibile solo a condizioni gravose, le nostre vendite subiscono contraccolpi negativi.

• Sia AGCO che le sue joint venture finanziarie hanno cospicui crediti nei confronti di concessionari e clienti finali, e subirebbero un impatto negativo nel caso in cui il rimborso di questi crediti non fosse allineato con i precedenti storici. L'esigibilità dei crediti dipende dalla solidità finanziaria del settore agricolo, che a sua volta dipende dall'economia generale e dal prezzo delle materie prime, nonché da diversi altri fattori tra i quali quelli elencati in questa sezione.

• Abbiamo sperimentato una consistente e prolungata volatilità nei tassi di cambio valutari e variazioni del tasso di interesse, incluse le incertezze associate all'Euro, che possono influire negativamente sui risultati operativi che abbiamo comunicato e sulla competitività dei nostri prodotti.

• Il nostro successo dipende dal lancio di nuovi prodotti, in particolare di motori conformi ai requisiti delle normative in materia di emissioni, che impone spese di notevole entità.

• I nostri livelli di produzione e i vincoli di capacità dei nostri stabilimenti, compresi quelli che risultano dall'espansione degli stabilimenti e dall'aggiornamento dei sistemi presso i nostri impianti di produzione, potrebbero avere un impatto negativo sui risultati.

• I nostri piani di espansione nei mercati emergenti, compresa la volontà di assicurarci una più ampia presenza commerciale e produttiva e aumentare il ricorso a fornitori di componenti, potrebbe comportare rischi significativi.

• Dipendiamo dai nostri fornitori per quanto riguarda componenti, pezzi e materie prime; pertanto l'eventuale incapacità da parte dei nostri fornitori di fornire i prodotti di cui abbiamo necessità, o impossibilità da parte nostra di risolvere prontamente i problemi causati dai nostri fornitori, è destinata ad avere effetti negativi sulla puntualità ed efficienza dei nostri processi produttivi e sulla vendita dei nostri prodotti. Siamo inoltre soggetti alle fluttuazioni dei prezzi della materia prima, che può influenzare negativamente i costi di fabbricazione.

• Affrontiamo una concorrenza importante e, se non siamo in grado di competere con successo con gli altri costruttori di attrezzature per l'agricoltura, corriamo il rischio di perdere clienti e conseguentemente veder ridurre il volume delle nostre vendite nette e la nostra redditività.

• Abbiamo un forte indebitamento e, di conseguenza, siamo soggetti ad accordi restrittivi e obblighi di pagamento che potrebbero influire negativamente sulla nostra capacità di gestire ed espandere la nostra attività.

Maggiori informazioni relative a questi ed altri fattori sono contenute nella documentazione di AGCO depositata presso la Securities and Exchange Commission (Commissione per i titoli e gli scambi), compreso il Modulo 10-K per l'anno terminato il 31 dicembre 2016 e il successivo modulo 10-Qs. AGCO declina qualsiasi obbligo di aggiornare eventuali dichiarazioni previsionali ad eccezione di quanto richiesto dalla legge.

* * * * *

Informazioni su AGCO AGCO (NYSE: AGCO) è un leader mondiale nella progettazione, nella produzione e nella distribuzione di macchine agricole e consente di aumentare la produttività nell'agricoltura attraverso una linea completa di attrezzature e relativi servizi. I prodotti AGCO vengono venduti sotto cinque marchi, Challenger®, Fendt®, GSI®, Massey Ferguson® e Valtra®, con il supporto di Fuse® tecnologie di precisione e servizi di ottimizzazione aziendale, e sono distribuiti in tutto il mondo grazie a una combinazione di oltre 3.000 concessionari e distributori indipendenti presenti in circa 150 Paesi. Fondata nel 1990, la sede centrale di AGCO è a Duluth, in Georgia, Stati Uniti d'America. Nel 2017, AGCO ha registrato vendite nette pari a 8,3 miliardi di dollari. Per ulteriori informazioni, visitate il sito http://www.AGCOcorp.com. Per notizie sulla società, informazioni ed eventi, seguiteci su Twitter @AGCOCorp. Per notizie finanziarie su Twitter, seguite l’hashtag #AGCOIR.

Visitate il nostro sito web www.agcocorp.com

2020-03-09Comunicato stampa
2020-03-09Comunicato stampa

Download